Perché si formano le crepe nei muri

crepe muri

Vi siete mai chiesti perché si formano le crepe nei muri? I motivi sono molteplici. Scopriamoli insieme.

Le crepe, quelle piccole linee che si vedono nelle pareti, interne o esterne ad un casa, possono essere generate da diversi fattori. Sulle pareti esterne di un’abitazione causa delle crepe possono essere le condizioni atmosferiche, pioggia e sole, mentre quelle interne possono generarsi a seguito di una scossa di terremoto, per esempio.

È importante distinguere i vari tipi di crepe. Queste si distinguono a seconda della causa che le genera, della forma, della direzione, della profondità e della larghezza. Le crepe strutturali, quelle dei pilastri o delle travi, manifestano, ad esempio, problemi di stabilità dell’edificio.

A provocare le crepe dei muri interni può essere l’intervento dell’uomo (ad esempio con un intervento di ristrutturazione), carichi eccessivi della costruzione, alterazioni del terreno (esempio le frane), variazioni dell’umidità, variazioni della falda acquifera, infiltrazioni di acqua, urti, materiali si scarsa qualità, terremoti, ampliamenti verticali o scavi eseguiti nei pressi dell’edificio.

Come eliminare le crepe nei muri

Eliminare le crepe dai muri sarebbe molto facile ma il più delle volte è necessario eliminare o modificare ciò che le ha causate. Nel caso di alterazioni del terreno, ad esempio, è necessario riportalo nelle condizioni ottimali prima di operare sulla lesione.

Se si parla di crepe superficiali allora è possibile procedere con l’intonaco ed eliminare immediatamente la crepa. Questo intervento non è sufficiente nel caso in cui la crepa è molto profonda e va ben oltre l’intonaco. In questo caso l’intervento deve essere molto più importante e soprattutto esaminato da professionisti del settore. Solitamente l’intervento, in quest’ultimo caso, prevede l’utilizzo di uno scalpello che permetta di allargare la fessura e pulirla dai detriti. Successivamente si utilizzerà la calce (per le lesioni esterno deve utilizzarsi il cemento). Una volta che la calce è asciutta si può livellare e poi dare una mano di vernice.